il Centro Salute di Obule


Questo è stato il nostro primo intervento in Uganda. Abbiamo iniziato nel 2000 con una capanna dove poter vaccinare i bambini. Da allora, anno dopo anno, la capanna si è trasformata in un piccolo centro di salute, dapprima con quattro stanzette, oggi con ambulatori, sala parto e quattro sale di degenza per un totale di 12 letti. Inoltre è disponibile una vettura attrezzata per il trasferimento delle emergenze in ospedale e per l’erogazione di servizi preventivi materno-infantili sul territorio a favore delle comunità più remote.

 

Il Centro serve una popolazione di circa 9.000 persone sparse in villaggi per un raggio di 8/ 10 km. 

 

 

Servizi offerti:

 

-Ambulatori con annessa farmacia

 

- Laboratorio per analisi cliniche

 

- Vaccinazioni

 

- Educazione sanitaria

 

- Assistenza ai pazienti affetti da HIV/ AIDS

 

- Pianificazione familiare

 

- Consultorio pre e post natale

 

- Sala parto

 

- Quattro sale di degenza per un totale di 12 letti

 

- clinica mobile

Lavorano nel Centro una clinical officer (assistente medico), un laboratorista, due ostetriche, un amministrativo, con la periodica supervisione di un medico.

I Germogli sostiene dal 2013 il Centro coprendo i costi capitali, dei farmaci e quelli delle necessità non prevedibili. I costi ricorrenti sono invece coperti con le entrate provenienti dal pagamento dei servizi offerti e da un contributo annuale di circa 500 euro da parte del locale Ministero della Sanità che contribuisce anche con la fornitura di vaccini, attrezzature come il sistema fotovoltaico, e con frequenti corsi di aggiornamento per il personale. Inoltre il Ministero provvede ad una costante supervisione delle attività unitamente al Comitato di Gestione del Centro il cui Presidente è sin dal 2000 il nostro referente locale. 



La storia

2000 

Tutto ebbe inizio dall'iniziativa di Margaret Aguti e Cesare Forni, coadiuvati da Richard, maestro della scuola locale, con la costruzione di una capanna dove offrire servizi di medicina di base. Due giovani della comunità, che diventeranno i primi operatori del Centro vengono accompagnati ad una formazione di base nell'Ospedale di Soroti. 

 

2001

Il Ministero della Sanità riconosce ufficialmente il nostro Centro come  Health Centre  - Community Based Organisation (presidio sanitario locale di comunità).

 

2002-2003 

Vengono realizzate le prime due strutture permanenti per ambulatori, farmacia e medicina preventiva.

La gestione del Centro viene affidata ad un Comitato di Gestione eletto dalle comunità locali, i cui componenti con il nostro sostegno partecipano ad una formazione specifica presso le strutture governative.

 

2004 

Installazione del primo sistema fotovoltaico, acquisto di un frigorifero per la conservazione dei vaccini e di un microscopio per il laboratorio

 

2005

Costruzione di tre alloggi per il personale del centro

 

2006

Su richiesta della comunità, inizia un impegno specifico nel settore materno infantile, con l’impiego di un’ostetrica per le consultazioni prenatali e l’assistenza al parto, e con una presenza sul territorio di due donne formate localmente per il rilevamento dei casi di malnutrizione infantile e l’educazione sanitaria e nutrizionale delle madri. 

 

2013

Nasce l’associazione I Germogli con la quale viene dato nuovo slancio alle attività del Centro.

 

2014 

Acquisto di una motocicletta per i servizi mobili di medicina preventiva. Consente di raggiungere un numero sempre maggiore di persone che necessitano di vaccinazioni e cure mediche.

Potenziamento del sistema fotovoltaico. 

 

2016

Costruzione di una saletta per le vaccinazioni.

Il Centro partecipa alla campagna nazionale di prevenzione dell'epatite B offrendo esami di laboratorio e vaccinazione ogni settimana: nel corso del 2016 si sono raggiunte circa 5.500 vaccinazioni.

 

2016-2017

Acquisto arredi ed equipaggiamenti sanitari.

 

2017 

L'associazione sostiene la formazione come clinical officer (assistente medico) di una dipendente del Centro.

E’ stato firmato un contratto annuale, rinnovabile per cinque anni, tra il nostro centro di salute e un consorzio di ONG Nord Americane secondo il quale il Centro offre assistenza gratuita alle donne in gravidanza, durante il parto e per il trasferimento in ospedale in caso di complicanze ostetriche. Il costo dei servizi resi è rimborsato mensilmente dal Consorzio. Il risultato è stato un netto aumento delle donne che frequentano il consultorio prenatale e che poi partoriscono al Centro.

 

2018

Durante la missione del 2018 sono stati realizzate opere di manutenzione ordinaria, straordinaria e costruzione di nuovi edifici, in particolare ristrutturazione di edifici esistenti (ambulatori, sala parto, sale di degenza, laboratorio, uffici e magazzino) e costruzione di 4 appartamenti per il personale. Inoltre sono stati acquistati gli arredi necessari. Tutti i lavori sono stati eseguiti a regola d’arte dalle maestranze locali senza la disponibilità di elettricità ed acqua corrente. 

 

2019

Con l’acquisto dell’auto multi uso Toyota Noah 4x4, 8 posti vengono avviati i servizi di medicina preventiva sul territorio del bacino di utenza del Centro, raggiungendo anche i villaggi più remoti.

Grazie ad una donazione finalizzata, è stato effettuato uno screening della popolazione a rischio HIV (circa 5000 test nei villaggi e nelle scuole), accompagnando alle cure le persone risultate positive.

Inoltre l’automedica permette il trasporto delle urgenze all’ospedale regionale.

 

2020

Il consorzio di ONG degli Stati Uniti che ha sostenuto dal 2017 i costi dei servizi materno infantili erogati gratuitamente dal Centro, per un importo di euro 8.000 annui, conclude il programma. La nostra associazione che già sostiene i costi capitali del centro, ha ritenuto necessario assicurare la continuità dei servizi materno infantili assumendosene l’onere finanziario.